PKUinfo non dà consigli medici o dietistici: le informazioni contenute in queste pagine hanno solo uno scopo divulgativo. Per questo motivo, pur essendo state ricavate da fonti autorevoli e/o attendibili, non possono sostituire il parere del medico curante nelle decisioni e nelle scelte dei pazienti circa la propria salute. (leggi il testo completo dell'avviso)

  • Versione stampabile
  • Esporta in OpenOffice
  • Esporta in PDF
  • Aggiungi pagina al libro
  • Strumenti:

UMBRIA: dal 1° gennaio 2010 screening per tutti i neonati

Dal primo gennaio 2010 i neonati dell'Umbria, nei primi giorni di vita, saranno sottoposti a un set di 40 esami per individuare precocemente altrettante malattie congenite, che si manifestano in genere piu' tardivamente, quando le conseguenze sullo stato di salute sono irreversibili. Lo annuncia una nota del servizio sanitario regionale. Lo screening neonatale, esteso a tutto il territorio regionale, e' frutto del protocollo d'intesa tra la Direzione regionale alla Sanita' e Servizi sociali della Regione Umbria e l'Azienda Ospedaliera Meyer di Firenze per la rete regionale dei servizi pediatrici.

L'intesa si inserisce nell'ambito dell'accordo per la gestione della mobilita' sanitaria che le Regioni Umbria e Toscana hanno stipulato dal 2004. Dai test cui saranno sottoposti i neonati e che devono essere eseguiti nelle prime ore di vita, scaturiranno eventuali malattie congenite, che potrebbero, altrimenti, avere gravi conseguenze sullo sviluppo psicomotorio e sull'accrescimento del bambino. E' questo, spiegano dalla Direzione regionale alla Sanita' e Servizi sociali, il settore principale della collaborazione con l'Azienda Ospedaliera Meyer di Firenze, che rientra nell'intesa piu' ampia siglata tra le due Regioni. Le Regioni Umbria e Toscana - si sottolinea - hanno una rete regionale integrata di servizi pediatrici con l'obiettivo di garantire il piu' elevato livello di accessibilità alle cure neonatologiche e pediatriche, promuovendo l'appropriatezza delle prestazioni e la qualita' dei trattamenti.

Fonte: http://www.asca.it