PKUinfo non dà consigli medici o dietistici: le informazioni contenute in queste pagine hanno solo uno scopo divulgativo. Per questo motivo, pur essendo state ricavate da fonti autorevoli e/o attendibili, non possono sostituire il parere del medico curante nelle decisioni e nelle scelte dei pazienti circa la propria salute. (leggi il testo completo dell'avviso)

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

news:internet_riferimento_malattie_rare [2014/02/18 13:16] (versione attuale)
Linea 1: Linea 1:
 +====== Internet: punto di riferimento sulle malattie rare  ======
 +Uno studio condotto negli Usa dal centro di ricerca Pew Internet & American Life Project ha rilevato che tra gli utenti Internet più attivi ci sono i portatori di malattie rare e/o i loro congiunti.
 +Dallo studio "​Peer-to-Peer Healthcare"​ effettuato a febbraio da Susannah Fox, direttore associato del Centro, emerge che un utente su cinque si è connesso alla rete per cercare risposte sulla salute. ​
 +== ==
 +L’indagine,​ sviluppata con un sondaggio telefonico nazionale su 3.001 adulti e un sondaggio online su 2.156 membri dell'​Organizzazione Nazionale per le malattie rare, evidenzia che più della metà degli intervistati hanno affermato di aver contattato altre persone che hanno gli stessi bisogni sanitari a scopo di consulenza e supporto. ​
 +
 +La maggior parte del campione riconosce il valore del ruolo che hanno i loro medici, ma il 46% degli utenti di Internet assegna, allo scambio di informazioni effettuato in rete con altri pazienti ed operatori sanitari, una grande importanza, soprattutto in merito ai rimedi utili a risolvere i problemi di salute di tutti i giorni, rispetto al 41% che confermano più utile un rapporto diretto con il medico. L'​indagine ha rilevato inoltre che il 46% pensa che il contatto online con i loro coetanei sia molto utile per lo scambio di consigli su come affrontare la patologia, mentre il 43% rimane fedele al medico.
 +
 +Fonte: **[[http://​www.pewinternet.org/​Reports/​2011/​P2PHealthcare/​Summary-of-Findings.aspx|http://​www.pewinternet.org]]**
 +{{tag>"​malattie rare"​}}
 +
 +
 +