Contribuisci allo sviluppo di PKUinfo !
Hai informazioni interessanti da riportare ? Hai tradotto materiale in Italiano ? Puoi aggiungere o modificare le informazioni presenti, liberamente.

(Oggi è il 06/12/2019 e sono attualmente presenti 184 voci)

Differenze

Queste sono le differenze tra la revisione selezionata e la versione attuale della pagina.

Link a questa pagina di confronto

Prossima revisione
Revisione precedente
news:fenilchetonuria_valutazione_neurocognitiva [2011/05/02 16:45]
mluigi creata
news:fenilchetonuria_valutazione_neurocognitiva [2014/02/18 13:16] (versione attuale)
Linea 1: Linea 1:
-====== Fenilchetonuria, valutare di routine ​la salute mentale dei pazienti potrebbe aiutare ​la terapia ​ ======+====== Fenilchetonuriala valutazione aiuta la terapia ======
  
 Le persone che nascono affette da fenilchetonuria (PKU) e che non vengono diagnosticate nei primi giorni di vita con i test attualmente esistenti, vanno incontro a gravissime conseguenza. La malattia, di tipo metabolico, non consente infatti di smaltire la fenilalanina (Phe) che va ad accumularsi con un effetto tossico a livello del sistema nervoso centrale. Da tempo si pensava che i livelli di Phe nel sangue fossero un indicatore non solo dell'​efficacia del trattamento ma delll’entità del danno psichiatrico;​ mancavano tuttavia degli studi sufficienti su questo. A porre rimedio è arrivato lo studio ADAPT - A Diversified Approach for PKU Treatment, ​ finanziato dalla casa farmaceutica BioMarin, i cui risultati preliminari sono stati presentati al congresso annuale dell'​American College of Medical Genetics (ACMG) tenutosi recentemente a Vancouver, da Barbara Burton Professore di Pediatria alla Northwestern University Feinberg School of Medicine nonché direttore della PKU Clinic del Children'​s Memorial Hospital, in Canada. Le persone che nascono affette da fenilchetonuria (PKU) e che non vengono diagnosticate nei primi giorni di vita con i test attualmente esistenti, vanno incontro a gravissime conseguenza. La malattia, di tipo metabolico, non consente infatti di smaltire la fenilalanina (Phe) che va ad accumularsi con un effetto tossico a livello del sistema nervoso centrale. Da tempo si pensava che i livelli di Phe nel sangue fossero un indicatore non solo dell'​efficacia del trattamento ma delll’entità del danno psichiatrico;​ mancavano tuttavia degli studi sufficienti su questo. A porre rimedio è arrivato lo studio ADAPT - A Diversified Approach for PKU Treatment, ​ finanziato dalla casa farmaceutica BioMarin, i cui risultati preliminari sono stati presentati al congresso annuale dell'​American College of Medical Genetics (ACMG) tenutosi recentemente a Vancouver, da Barbara Burton Professore di Pediatria alla Northwestern University Feinberg School of Medicine nonché direttore della PKU Clinic del Children'​s Memorial Hospital, in Canada.